.
Annunci online

noscorietrisaia [ Movimento Antinucleare Pacifista ]
 


PER CONTATTI
noscorietrisaia@libero.it

...................................................





...................................................




Questo Movimento ha aderito
al Progetto della OLA:
Organizzazione Lucana Ambientalista

...................................................




Storia a Fumetti:
La Lezione di Scanzano
[Leggi]

...................................................


1 gennaio 2015


Pittella –Sblocca Italia: dal catastrofismo economico alla liquidazione della Basilicata

31 ottobre 2014

 

Sono 15 anni e più che le istituzioni regionali parlano di petrolio tralasciando dall’egual misura l’agricoltura, l’acqua, il cibo, il turismo, l’archeologia con i risultati che vediamo tutti: la Basilicata scala le classifiche di povertà, di disoccupazione ed emigrazione (dopo l’istat c’e il rapporto svimez). Se vogliamo parlare di catastrofismo, Pittella discuta della catastrofe economica in cui con la gestione di questi 15 anni è stata trascinata la Basilicata per la miopia e la dipendenza da royalites e compensazioni. Royalites e compensazioni che hanno dopato il mondo delle illusioni e del sottosviluppo culturale delle istituzioni, mentre ha impoverito una classe imprenditoriale lucana che avrebbe voluto fare, ma che ha viaggiato a vista e con le proprie forze.

Catastrofe economica è stato perdere circa 320 milioni di euro l’anno (per colpa del pil elevato a causa anche delle estrazioni petrolifere) dei fondi obt 1 dell’Ue per rincorrere nemmeno un terzo della somma in royalites. Per poi accorgersi che quei soldi non sono spendibili per colpa del patto di stabilità, mentre i fondi obt 1 Ue sarebbero stati immessi direttamente nelle casse delle imprese per finanziamenti per lo sviluppo.

Ci stiamo impoverendo proprio perché la politica sul fossile ha oscurato le vere politiche di sviluppo legate all’acqua lucana e ai potenziali di questo territorio in tema di agricoltura, agroalimentare, cibo e turismo. Ci stiamo impoverendo perché paghiamo tasse e non abbiamo servizi, a partite da quelli essenziali in tema di ospedali, trasporti e istruzione, al pari di altre regioni non petrolizzate come la Toscana. In qualità di Italiani abbiamo diritto a servizi efficienti come nel resto del paese e non dobbiamo distruggere acqua e terra per avere un treno o una strada che già paghiamo con le nostre tasse .Un modello da catastrofe economica che ha solo il sapore dello sfruttamento del territorio per favorire pochi individui collegati alle aziende petrolifere e alla filiera dei rifiuti annessa .

Che sia un disastro economico se ne sono già accorti gli agricoltori della Val d’Agri,della Val Basento ,i produttori del cibo lucano ,gli operatori turistici ed infine la stessa Confapi lucana che critica ampliamente lo Slocca Italia a tutela delle economie locali del territorio.Anche i sindaci lucani hanno espresso il loro parere sullo Sblocca Italia chiedendone l’annullamento.Per fortuna le amministrazioni comunali sanno leggere e scrivere e hanno intravisto i danni che le economie locali e gli interessi di tanti cittadini possono subire con questo decreto.

Le condizioni economiche per estrarre petrolio in Basilicata non ci sono mai state (basta sentire il pianto greco dei sindaci della Val d’Agri), ma il problema vero sono invece restano le questioni ambientali, sanitarie, collegate allo sviluppo delle economie locali. Pittella dimentica di essere autorità di sanità pubblica e che ha delle responsabilità nei confronti dei lucani soprattutto in tema di salute Tutto questo mentre non è capace di fornire risposte soddisfacenti sullo stato delle acque del Pertusillo in merito alla presenza di idrocarburi e metalli pesanti,o sullo stato del Basento, o sulla natura delle acque di Montemurro vicino ai pozzi di reinezione.

Pittella la smetta poi di raccontare insieme a qualche parlamentare del pd che non ci saranno altre trivellazioni oltre a quelle del memorandum.

Gli ordini del giorno dei parlamentari pd lucani in tema barili sullo Sblocca Italia diventano carta straccia, di fronte ad un decreto governativo votato in parlamento in regime di fiducia . Le azioni odierne della regione Basilicata inoltre li smentiscono spudoratamente : a partire dal Vulture (vedasi V.I.A . aperta dalla Regione Basilicata sull’istanza la Bicocca) o peggio dal Ministero dell’Ambiente nel Mar Jonio (con n. 3 nuove V.I.A alla Global Med) per un totale di 16 istanze nel nostro mare.

E’ grave quanto affermato dal sottosegretario De Filippo alla festa dem a Policoro del 21 settembre sul fatto che il decreto Sblocca Italia sia stato redatto dal Ministero dello Sviluppo Economico. In merito Pittella ci deve spiegare a cosa è servito il suo lungo rapporto di corrispondenza con il ministro Guidi se poi nasce un decreto con prerogative di massimo sfruttamento petrolifero sull’intera Basilicata ?

La Basilicata è stata già ampliamente sfruttata ,ora per favore non vogliamo la liquidazione economica degli ultimi pezzi di terra e di mare rimasti intatti.[No Scorie Trisaia]


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. pittella sblocca italia

permalink | inviato da noscorietrisaia il 1/1/2015 alle 17:51 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia     settembre        febbraio
 
rubriche
Diario
Comunicati 2004
Comunicati 2005
Comunicati 2006
Comunicati 2007
comunicati 2008
comunicati 2009

cose
Ultime cose

Il mio profilo
da vedere
Missioni in Africa
cerca
me l'avete letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom