Blog: http://noscorietrisaia.ilcannocchiale.it

Campagna di obbiedenza civile al referendum sull’acqua

 

Dopo il referendum Acqua 2011, con la pubblicazione, in data 20 luglio 2011, del Decreto del Presidente della Repubblica n. 116 è stata sancita ufficialmente la vittoria referendaria e l’abrogazione della norma che consentiva ai gestori di caricare sulle nostre bollette anche la componente della “remunerazione del capitale investito”.

Gli enti gestori dell’acqua come Acquedotto Lucano non hanno ancora provveduto ad eliminare dalla bolletta idrica la componente della “remunerazione del capitale investito”, così come ha sancito il referendum nazionale. Per quanto riguarda Acquedotto Lucano la cifra percentuale che l’ente dovrebbe restituire ai cittadini e ai consumatori da giugno 2011 per ottemperare agli obblighi referendari (esercizi e attività commerciali compresi) è di circa il 4,5-5% secondo i calcoli del Comitato Acqua Pubblica di Basilicata. Dalle bollette successive invece l’ente gestore del servizio idrico dovrebbe già decurtare la percentuale prevista, diversamente la campagna obbedienza civile al referendum partita a livello nazionale prevede l’autoriduzione della bolletta.

Invitiamo i cittadini a portare presso il ns. sportello-banchetto in piazza eraclea a Policoro domenica 15 aprile 2012 dalle 10 alle 12 la propria bolletta idrica (condomini compresi) per la compilazione del reclamo all’acquedotto lucano. Il reclamo sarà consegnato direttamente dal comitato all’ente. In questo modo si evitano ai cittadini i costi della raccomandata e inutili file alla posta. Traducendo in termini economici un condominio che consuma in media annua, circa 10.000 euro dovrebbe avere un risparmio di circa 500 euro.

Il vero petrolio della Basilicata si conferma essere l’acqua, perché da vita ed economia a due regioni, è inesauribile se sappiamo mantenere intatti gli ecosistemi e se non inquiniamo gli invasi, i fiumi e falde con le trivellazioni petrolifere. L’acqua deve essere gestita dal pubblico e non dalle spa o dai privati, deve costare lo stretto necessario e non sono ammessi utili sulla gestione.

Pubblicato il 13/4/2012 alle 17.18 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web