Blog: http://noscorietrisaia.ilcannocchiale.it

SALVIAMO L'ACQUA LUCANA E IL MAR JONIO DALLE ESTRAZIONI PETROLIFERE


DALLA SPIAGGIA PIU’ BELLA DEL SUD

CATENA UMANA  22 LUGLIO 2012  ORE 12

Seconda Edizione

Sono circa due anni che il lago del Pertusillo è inquinato da idrocarburi, metalli pesanti e scarichi di fogna, ma i consiglieri regionali, con i parlamentari lucani, invece di salvare il lago idropotabile che disseta e irriga Puglia e Basilicata, hanno avviato con il Memorandum le procedure per il raddoppio delle estrazioni petrolifere in Basilicata (da 90.000 a 180.000 barili/giorno) e altre procedure per trivellare la Basilicata oltre i confini di Calabria e Campania. Tutto questo senza che il governo abbia stabilito ancora cosa ne riceverà in cambio di questo sacrificio la Basilicata. Ora il governo Monti per aumentare il P.I.L., Prodotto interno lordo nazionale - e di conseguenza gli utili dei petrolieri - vuole continuare a trivellare il Mar Ionio e l’Adriatico, riavvicinando alle coste (5-12 miglia) le piattaforme petrolifere, mentre in America sono proibite sotto le 80 miglia. Le istanze dei permessi di ricerca petrolifera nel Mar Jonio sono circa 10 e nel Golfo di Taranto le vedresti da qualsiasi distanza dalla costa. A Crotone, dove già si estrae dai fondali sotto costa, si registrano i primi abbassamenti del litorale (subsidenza).

Vito De Filippo e il governo ignorano i cittadini e sminuiscono i gravi problemi connessi alle estrazioni petrolifere come l’inquinamento delle acque e i danni alle economie locali,tanto che siamo diventati la regione più povera d’Italia (Istat2011) con un alto tasso di disoccupazione ed emigrazione. Il PIL arricchisce le compagnie petrolifere e distrugge l’agricoltura, il turismo, l’acqua, il mar Jonio e il nostro futuro. Chiediamo ai sindaci primi cittadini di Basilicata di proporre una moratoria immediata sulle trivellazioni in mare e in terra e un piano di tutela delle acque e del mare Jonio. Invitiamo inoltre tutti i cittadini a cambiare le istituzioni con il voto democratico.

IL NOSTRO PETROLIO E’ L’ACQUA - FUORI IL PETROLIO DALL’ACQUA

Pubblicato il 22/7/2012 alle 16.48 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web