Blog: http://noscorietrisaia.ilcannocchiale.it

Trivelle – Ministro Guidi: senz’acqua non si crea impresa e nemmeno turismo

Posted on 5 aprile 2014

Sfruttamento delle risorse petrolifere ,”al Sud fare impresa è più difficile che altrove ma questo non vuol dire che si possa o si debba fare solo turismo “,con queste frasi esordisce il nuovo ministro dello sviluppo economico Guidi sulla carta stampata. Il nuovo ministro guarda al petrolio e gas del sud con lo stesso metodo e modo di fare dei suoi predecessori dimenticando che le risorse petrolifere sono già sfruttate in Basilicata da oltre 15 anni .

Il termine “sfruttare” purtroppo è tipico di chi vuole ottenere un vantaggio sulla base di un sacrificio altrui , con la famosa frase “serve al paese “ o “sviluppo del paese” detta dai vari politici di turno la Basilicata si è ritrovata in tanti anni di sfruttamento petrolifero con i dati Istat di Regione più povera d’Italia con elevati tassi di disoccupazione giovanile.

Visto che il ministro sa bene che fare impresa al sud è difficile , deve sicuramente sapere che se trivelliamo il nostro enorme patrimonio idrico ,ambientale ,marino e storico per estrarre gas e petrolio noi le imprese non le potremo più realizzare nel nostro meridione .Ne tantomeno possiamo realizzare alcuna industria se trivelliamo i bacini di ricarica delle acque della Val d’Agri, senz’acqua prima dell’energia nessuna impresa si può realizzare .Ne tantomeno potremmo pagare in eterno le tasse sul nostro PIL ,non a termine come quello petrolifero e per altro riservato a pochi.

Il petrolio si estrae se ci sono le condizioni ambientali e quelle economiche .Premesso che le condizioni economiche prescindono inderogabilmente da quelle ambientali in Basilicata e in altri luoghi degli appennini e dei mari meridionali queste condizioni purtroppo non ci sono. Ne esistono imprese nel settore petrolifero in nessuna parte del mondo atte a garantire processi nel rispetto dell’ambiente, per il semplice fatto che i processi petroliferi sono altamente impattanti e gli incidenti e i disastri purtroppo accadono .In Basilicata intanto qualcuno ci deve spiegare perché nel lago idropotabile del Pertusillo e nel fiume Basento sono presenti in dose elevati gli idrocarburi . Invitiamo il ministro a studiarsi il principio di precauzione prima di parlare di veti e immobilismi su questioni che invece interessano il futuro delle economie locali meridionali ,la tutela dell’ambiente e la salute delle popolazioni

Il ministro deve poi spiegarci perché il principio di precauzione viene applicato per le regioni del Nord mente si esclude a priori il Sud ,ci riferiamo all’applicazione del principio di precauzione per Golfo di Venezia e non per il Golfo di Taranto relativamente alle trivellazioni off shore.

Siamo conviti che lo sviluppo del sud passa attraverso il rispetto delle risorse naturali in ottica equa e sostenibile ,che l’acqua ha un valore economico superiore al petrolio e che prima di parlare di sfruttamento si dovrebbe parlare di rispetto delle economie meridionali a partire dal turismo non compatibili con lo sfruttamento minerario.

Pubblicato il 6/4/2014 alle 13.15 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web